Registrati | Login

Le Pareti fonoassorbenti sono fatte di materiali con alta capacità fonoassorbente, che aggiungono alla loro funzione di attutire i rumori, quella estetica.

Le pareti ordinarie, soprattutto nei luoghi di lavoro, fanno aumentare il riverbero, creando rumore di fondo e quindi un disturbo per i lavoratori: le onde sonore vengono continuamente riflettute.

Per rendere queste superfici meno riflettenti, vanno inseriti elementi o coperture in materiale fonoassorbente; che, trattenendo i suoni in arrivo, diminuiscono la percezione ambientale del rumore.
La presenza di materiali rigidi come vetri, marmi e cemento, genera eco e riverbero, che disturbano l’atmosfera e rendono la comunicazione tra persone più stancante.

I suoni, continuamente incrementati da riflessione, contribuiscono a generare fastidio e ad ampliare quelli che sono i reali rumori emessi.

La capacità di un certo materiale di assorbire o riflettere onde sonore dipende da vari parametri, come dimensioni, spessori, porosità, disposizione negli spazi, e ovviamente dalla sua composizione chimica.

Pareti fonoassorbenti ufficio si possono collocare nelle controsoffittature , o in pannellature verticali, che vanno a coprire proprio gli spazi ad altezza umana, nei quali il fenomeno del riverbero è maggiore e più fastidioso.
La disposizione della pannellatura dovrebbe tendere all’omogeneità, per assicurare un effetto “completo”.

I pannelli vengono prodotti anche in modelli colorati, foderati in diversi tessuti e consistenze, per adattare il loro uso anche al contesto di desing e arredamento dei luoghi di lavoro.
In linea di massima, per migliorare le condizioni acustiche di un ambiente, è consigliabile installare i pannelli su due superfici che siano perpendicolari tra loro, per riuscire a coprire entrambi i campi sonori orizzontali.

http://www.styloffice.it/pareti-fonoassorbenti-ufficio

Who Voted for this Story



comunicati stampa su wazit.it aziende e agenzie possono pubblicare comunicati stampa gratis on line